Che ansia! Proviamo a capirla

 

L’ansia è un’emozione e come tale ha ragione di esistere. può però diventare un vero malessere e disagio psicologico. Da cosa deriva, però? Banalmente dal desiderio di ottenere qualcosa e dal percepire un pericolo.

Quando però l’ansia diventa inappropriata o disfunzionale?

Va benissimo che l’ansia ti faccia guidare con prudenza o ti faccia evitare di aggirarti in quartieri pericolosi di notte; ciò preserva la vita. Tuttavia questa può essere distruttiva e contraria ai nostri interessi. Molte paure, infatti, sono piuttosto irrealistiche o irrazionali. Prova a pensare di essere un ottimo lavoratore e di ricevere frequentemente complimenti e aumenti di stipendio dal tuo capo: ciononostante hai la terribile paura di venire licenziato anche per il minimo errore. O immagina di aver paura di guidare perchè quasi certamente avrai un incidente stradale. Queste sono paure non realistiche, perchè è improbabile che si verifichino. è la nostra mente che aumenta la probabilità che si concretizzino.

Le paure come queste sono molto comuni.

E come è possibile distinguere un’ansia appropriata da una che non lo è?

Innanzitutto confrontandosi con la realtà e ricorrendo alle leggi della probabilità. Successivamente, comprendere che queste paure irrealistiche sono esagerate o ipergeneralizzate (“ Mi è successo di sentire che una persona è stata intrappolata per un giorno intero in un ascensore, quindi credo che possa facilmente succedere anche a me”). Infine, il vedere le cose soltanto in bianco o nero non ci permette di ridimensionare ciò che ci è accaduto e di trovare soluzioni efficaci. Ad esempio se perdo un buon lavoro, mi sembra una perdita assolutamente negativa. Potrei invece vedere le nuove opportunità come il rimettersi in gioco e trovare un lavoro migliore.

In altre parole, l’ansia irrealistica deriva da pensieri errati ed esagerati e purtroppo interferisce con le nostre azioni, facendo avverare gran parte di ciò che temiamo. Questo perchè l’ansia che dovrebbe proteggerci diventa iper-protettiva, e quindi danneggia.

Come posso migliorare e usare a mio favore l’ansia?

Osservarsi ed essere consapevoli dei segnali che il nostro corpo ci manda ci permette di capire se si tratta di un’ansia appropriata o no.

Fortunatamente, siamo noi stessi a creare la maggior parte delle nostre ansie e così come le creiamo possiamo eliminarle o ridurle. Abbiamo la possibilità di cambiare e abbiamo una grande influenza sul nostro modo di sentirci. Possiamo provare un’ansia sana anziché inappropriata e nociva per qualsiasi tipo di situazione. Questo perchè si tratta dei nostri pensieri, dei nostri sentimenti e dei nostri comportamenti.

Quindi, ciò che farai quando ti accadrà qualcosa di negativo non dipenderà solo dalle situazioni esterne, ma da ciò che dirai a te stesso riguardo tale evento. Le nostre risposte emotive e comportamentali all’avversità dipendono soprattutto dal sistema di convinzioni che formiamo a partire da questi eventi e non semplicemente dall’avversità.

Andando oltre la nostra paura dei cambiamenti potremo uscire anche dal nostro disagio psicologico.

Questa è veramente una grande fortuna perchè sei tu ad avere il controllo di ciò che decidi di credere o non credere e quindi di ciò che proverai e farai.

Quando cambi il modo di osservare le cose, le cose che osservi cambiano” – Lao-Tzu

Referenze bibliografiche:

Ellis, A. (1998) How to control your anxiety before it controls you. Erickson. Milano.

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.